Infezione da Clostridium difficile

Clostridium difficile

Che cosa è il Clostridium difficile (C. diff.)?

Il Clostridium difficile (C. diff.) È un tipo di batterio che vive negli intestini di molte persone. C. diff. fa parte del normale equilibrio dei batteri nel tuo corpo. Vive anche nell’ambiente, come nel terreno, nell’acqua e nelle feci animali.

La maggior parte delle persone non ha mai problemi con C. diff. Se c’è uno squilibrio nel tuo intestino, C. diff. potrebbe iniziare a crescere senza controllo. I batteri iniziano a rilasciare tossine che attaccano il rivestimento del tuo intestino. Questo è ciò che porta a sintomi di C. diff. infezione.

I sintomi di infezione da Clostridium difficile

Le infezioni da Clostridium difficile possono variare da lievi a gravi.

I sintomi lievi possono includere:

  • diarrea acquosa (3 o più volte al giorno per diversi giorni)
  • mal di stomaco o tenerezza

I sintomi severi possono includere:

  • diarrea frequente e acquosa (fino a 15 volte al giorno)
  • forte dolore allo stomaco o dolorabilità
  • nausea
  • perdita di appetito
  • febbre di basso grado fino a 101 ° F nei bambini o 100 ° F a 102 ° F negli adulti
  • sangue o pus nelle tue feci.

Chiama il tuo medico se:

  • i sintomi iniziano dopo l’assunzione di un antibiotico
  • i sintomi durano più di 3 giorni o peggiorano.

Cosa causa infezione da Clostridium difficile?

Se sei in buona salute, probabilmente non otterrai una infezione da Clostridium difficile. Il fattore di rischio più comune per Clostridium difficile è l’uso di un antibiotico. Gli antibiotici possono disturbare il normale equilibrio nel tuo intestino. Il rischio aumenta se hai preso antibiotici per un lungo periodo di tempo o se l’antibiotico è ad ampio spettro (tratta un’ampia varietà di batteri).

Le persone che hanno 65 anni o più sono a maggior rischio di infezione da Clostridium difficile. Altri fattori di rischio includono:

  • chirurgia del tratto gastrointestinale (GI)
  • chirurgia dello stomaco che richiede di spostare l’intestino da parte
  • un soggiorno in ospedale
  • vivendo in una casa di riposo o in una struttura per cure estese
  • problemi del colon, come la sindrome infiammatoria dell’intestino (IBS) o il cancro del colon-retto
  • sistema immunitario indebolito
  • precedente C. diff infezione.

Come infezione Clostridium difficile è diagnosticata?

Testare un campione di feci può diagnosticare C. diff. Potrebbero essere necessari test di follow-up per confermare. Il medico può eseguire una scansione a raggi X o tomografia computerizzata (TC) del colon.

È possibile eseguire il test positivo per un C. diff. infezione senza avere sintomi. Questo è noto come C. diff. colonizzazione. Alcune persone sono portatori di C. diff. ma non hanno C. diff. Un risultato positivo del test più i sintomi indicano che avete un C. diff diff. infezione.

L’infezione da Clostridium difficile può essere prevenuta o evitata?

C. diff. i batteri sono contagiosi Possono diffondere la persona a persona. Vivono anche a lungo sulle superfici, come i sedili del water, i telefoni e le maniglie delle porte. Una buona igiene può aiutarti a evitare i batteri.

  • Lavati spesso e bene le mani, usando sapone e acqua.
  • Utilizzare guanti monouso quando si prende cura di qualcuno che potrebbe avere C. diff.
  • Utilizzare prodotti a base di candeggina a base di cloro per disinfettare superfici e oggetti.
  • Lavare gli indumenti che possono essere sporchi di feci con sapone e candeggina.
  • Se visiti qualcuno in una struttura sanitaria, lavati le mani prima, durante e dopo la visita.
  • Non usare antibiotici a meno che il medico li raccomandi.

Se hai un C. diff. infezione, lavarsi le mani con acqua e sapone prima di mangiare e dopo aver usato il bagno. Utilizzare un prodotto a base di candeggina a base di cloro per pulire le superfici che potresti aver toccato per evitare di diffondere l’infezione agli altri.

C. diff. trattamento delle infezioni

Se stava assumendo un antibiotico all’inizio dei sintomi, il medico probabilmente ti chiederà di smettere di prenderlo. Ti osserveranno per disidratazione se hai una grave diarrea. Circa il 25% dei pazienti inizia a migliorare da 2 a 3 giorni dopo aver interrotto l’antibiotico che ha causato l’infezione.

Per i casi gravi, il medico può prescrivere una dose di 10 giorni di un antibiotico che si è dimostrato efficace nel trattamento di C. diff. infezioni. Gli esempi includono metronidazolo e vancomicina. Dovresti migliorare dopo 72 ore dall’inizio del trattamento, sebbene la diarrea possa continuare. In circa il 15% -35% dei casi, è necessario un secondo ciclo di antibiotici.

Mentre recuperi, bevi molti liquidi per sostituire quello che il tuo corpo ha perso a causa della diarrea. Evitare i prodotti a base di latte e gli alimenti che contengono farina di frumento o sono ricchi di fibre. Il tuo tratto digestivo può essere sensibile a loro per alcuni giorni.

Vivere con un C. diff. infezione

Se l’infezione peggiora, potresti diventare disidratato o non riuscire a superare le feci. Raramente, C. diff. può portare a sepsi (un’infezione del sangue pericolosa per la vita) o una puntura nell’intestino.

Se ha la diarrea e pensa che potrebbe essere causato da C. diff., Controlli con il medico prima di usare la medicina antidiarrea. Questi farmaci possono peggiorare l’infezione.

Alcuni probiotici, o “batteri buoni”, possono aiutare a prevenire la ripetizione di C. diff. infezioni. Parli con il medico prima di assumere qualsiasi integratore. Possono istruire su cosa portare con gli antibiotici.

Domande da porre al medico

  • Devo smettere di prendere il mio antibiotico? A che punto?
  • Se ho la diarrea, quando dovrei chiamare il mio medico?
  • Come ho ottenuto una infezione Clostridium difficile?
  • Quale trattamento è meglio per me?
  • Se ho avuto C. diff una volta, qual è il mio rischio di averlo di nuovo?
  • Mia madre è in una casa di cura che ha una rottura di C. diff. Dovrebbe essere testata?
  • Sono stato diagnosticato come diff. vettore. Quali precauzioni dovrei prendere con i miei amici e la mia famiglia?
  • Ho diverticolite. Sono a rischio per un C. diff. infezione?

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *